MA TU LO SAI CHE OGNI ANIMA-LE HA UNA SUA COSCIENZA ??? ECCO DEI DATI SCIENTIFICI A TAL PROPOSITO

Preghiamo la ATTENTA e completa lettura e la massima divulgazione..

Neuroscienziati riconoscono la coscienza nei mammiferi e uccelli.
“Un polpo ha 500 miliardi di neuroni (gli esseri umani ne hanno 100 miliardi)”

La sofferenza degli animali è stata riconosciuta a livello scientifico…

una verità scomoda….Sabato scorso in una conferenza a Cambridge neuroscienziati di tutto il mondo hanno firmato una petizione che indica che tutti i mammiferi, uccelli e altre creature, tra cui i polpi, hanno una coscienza.Immagine

Il Neuroscienziato canadese Philip Low spiega perché i ricercatori si sono riuniti per firmare una dichiarazione che riconosce l’esistenza della coscienza in tutti i mammiferi e come questa scoperta potrebbe avere un impatto società.

Philip Low, “Tutti i mammiferi e gli uccelli sono coscienti.”

Low è un ricercatore presso la Stanford University e il MIT (Massachusetts Institute of Technology), entrambi i luoghi si trovano negli Stati Uniti. Lui e altri 25 ricercatori ritengono che le strutture cerebrali che producono la coscienza negli esseri umani esistono anche negli animali. “Le aree del cervello che ci distinguono dagli altri animali sono quelli che producono la coscienza”, dice Low, che ha dato la seguente intervista a un sito web:

Intervistatore: Gli studi sul comportamento animale hanno sostenuto che gli animali vari hanno un certo grado di coscienza. Cosa le neuroscienze dicono in proposito?

Low: Abbiamo trovato che le strutture che ci distinguono dagli altri animali, come la corteccia cerebrale, non sono responsabili per la manifestazione della coscienza. In breve, se il resto del cervello responsabile per la coscienza e queste strutture sono simili tra gli esseri umani e altri animali come i mammiferi e gli uccelli, possiamo concludere che questi animali sono anche consapevoli.

Intervistatore: Quali animali hanno una coscienza?

Low: Sappiamo che tutti i mammiferi, tutti gli uccelli e molte altre creature, come il polpo, sono dotate di strutture nervose che producono coscienza.
Ciò significa che questi animali soffrono.
Si tratta di una verità scomoda: è sempre stato facile dire che gli animali non hanno coscienza. Ora abbiamo un gruppo di autorevoli neuroscienziati che studiano il fenomeno della coscienza, comportamento animale, la rete neurale, anatomia e genetica del cervello. Non si può dire che non sapevamo.

Intervistatore: E ‘possibile misurare la somiglianza tra la coscienza di mammiferi e uccelli e gli esseri umani?

Low: Questa domanda è stata lasciata aperta sul documento. Non abbiamo un indicatore, data la natura del nostro approccio. Sappiamo che ci sono diversi tipi di coscienza. Possiamo dire, tuttavia, che la capacità di sentire piacere e dolore nei mammiferi e nell’uomo è molto simile.

Intervistatore: Che tipo di comportamento animale sostiene l’idea che essi hanno la coscienza?

Low: Quando un cane ha paura o di dolore o di gioia nel vedere il suo padrone, si attivano nel cervello come le strutture che si attivano negli esseri umani, quando ci mostriamo la paura, dolore e piacere. Un comportamento molto importante è il riconoscimento di sé allo specchio. Tra gli animali che possono, oltre che gli esseri umani, sono i delfini, scimpanzé, bonobo, cani e una specie di uccello chiamato pica-pica.

Intervistatore: Quali vantaggi potrebbero derivare da una comprensione della coscienza negli animali?

Low: C’è una certa ironia. Spendiamo un sacco di soldi cercando di trovare vita intelligente fuori dal pianeta, mentre siamo qui, circondato da intelligenza cosciente del pianeta stesso. Se si considera che un polpo – che ha 500 miliardi di neuroni (gli esseri umani hanno 100 miliardi) – si capisce che il polpo ha coscienza, siamo molto più vicini alla produzione di una coscienza sintetica di quanto pensassimo.

Intervistatore: Qual è l’ambizione di questo studio? Sarà che i neuroscienziati sono diventati membri del movimento per i diritti degli animali?

Low: Si tratta di una questione delicata. Il nostro ruolo come scienziati non è quello di convincere la società, ma rendere pubblico quello che abbiamo trovato. La società avrà ora una discussione su ciò che sta accadendo e può decidere se fare leggi nuove, ulteriori ricerche per capire la coscienza degli animali o di proteggerli in qualche modo. Il nostro ruolo è quello di presentare i dati.

Intervistatore: Quale impatto avranno queste scoperte su di lei?

Low: Diventerò vegetariano. E ‘impossibile non essere toccati da questa nuova percezione degli animali, in particolare sulla loro esperienza di sofferenza. Sarà difficile, perché amo il formaggio.

Intervistatore: Cosa può cambiare con questa scoperta?

Low: I dati sono inquietanti, ma molto importanti. In definitiva, penso che la società dovrà contare meno sugli animali. Sarà meglio per tutti.

Lasciate che vi faccia un esempio. Il mondo spende 20 miliardi di dollari uccidendo 100 milioni di animali vertebrati nella ricerca medica. La probabilità che un farmaco proveniente da questi studi sia efficace negli esseri umani è del 6%.

Si tratta di una possibilità terribile. Un primo passo è di sviluppare metodi non invasivi. Non occorre uccidere una vita per studiare la vita.

Penso che dobbiamo fare appello al nostro ingegno e sviluppare migliori tecnologie che rispettano la vita degli animali. Dobbiamo mettere la tecnologia in grado di servire i nostri ideali, piuttosto che competere con loro.

Fuonte: http://veja.abril.com.br/noticia/ciencia/nao-e-mais-possivel-dizer-que-nao-sabiamos-diz-philip-lowImmagine

About these ads

Informazioni su armando spedicato

INFORMATORE LIBERO Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo. Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione. Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati. Grazie.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

GRAZIE DEL TUO INTERVENTO ......

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...