” IL GATTO ” UN NUOVO CARTONE ANIMATO GIAPPONESE ” ABITUERA’ I BAMBINI ALLA TRASFORMAZIONE GENETICA”

” IL GATTO ” UN NUOVO CARTONE ANIMATO GIAPPONESE “

Il gatto è sicuramente l’animale che ha la dimensione mitologica del più grande e universale. Attiva profeta, rivelando l’anima umana o guida nel mondo della notte e della magia, era logico che Miyazaki è interessato a questo animale discreto, ma inquietante e dedica un intero film funzionalità. Purtroppo, il maestro giapponese ha approvato il ruolo di produttore per il Regno dei Gatti, e si vede, si sente.

Haru è una ragazza adolescente e, come tale, odia la sua vita e il mondo è ingiusto e difficile. Basta, comunque, per essere tentato da un incursione nel regno dei gatti. Un prezioso documento sarà dato dal re per aver salvato senza conoscere il principe del regno. Assist di due dissidenti gatti, Baron e Muta, Haru attraversa la magia frontiera senza sapere bene cosa attende dall’altra parte …

Se lo studio è un frame regolari semplici, ricevendo un trattamento metaforico o poetico, la storia è anche qui ordinario, banale, manichea. Invece di Miyazaki, in cui i personaggi Revolve ha lavorato, con tutta la loro zona d’ombra e l’umanità (la strega materna Haku e Chihiro impenetrabili, pirati con un cuore di Laputa), i protagonisti sono qui tutto nero o tutto bianco, qualunque sia il colore dei loro cappotti. E ‘un peccato che i gatti fanno ottimi surrogati umani. Essi rappresentano il male come bene, sono aristocratici o di valle, sia astuti e tenera. Il materiale era buono per creare esseri dotati di una personalità complessa, un ingrediente chiave per abbellire un po ‘un filo sottile.

Eppure il film è proprio sulla destinazione e la durata di un quindici tregua di un racconto che gira alla velocità del fulmine. Troppo veloce, l’azione sta rallentando a causa della mancanza di pause e siamo profondamente dispiaciuti i momenti contemplativi che punteggiano il film solito di Studio Ghibli. La storia soffre anche di una mancanza di spiegazioni che avrebbero avuto rapporti un po ‘più teneri tra i personaggi. Alcuni sembrano sapere, ma il loro passato non è mai menzionato, lasciando allo spettatore, tenuto lontano la storia, un retrogusto amaro. Vorremmo anche di scoprire il regno, che non si vede molto, infine, un prato, alcune capanne e un castello. Solo la bambina, Haru, a sua volta rassegnato ed eroico, generoso e capriccioso, ha contraddizioni (ah, l’adolescenza …) che permettono una facile identificazione. Di per sé, desta la cara temi di Miyazaki, l’emancipazione e la ricerca di sé. Questi purtroppo sono leggermente toccato a favore di una narrazione veloce lascia poco spazio a divagazioni o ecologico umanista, vero marchio di fabbrica – e qualità – dello Studio Ghibli.

Al contrario, Cats United rispetta pienamente il disegno e l’animazione così speciale Miyazaki. I colori sono caldi e morbidi, colori pastello evidenziare gli sfondi. Haru al palazzo, i grafici sembrano fuori dei film precedenti del maestro (Spirited Away e Laputa, per esempio). Purtroppo, però, che l’animazione dei gatti non sono stati approccio particolarmente attento loro singolarmente privo di grazia. Nonostante una sequenza di parata felina assolutamente bello (musica, animazione, e Cats guardie del corpo in Black), il tutto è meno magica e poetica che gli ultimi film in Francia. Alcuni vedono già l’influenza del distributore Disney, attraverso i riferimenti a una cultura meno Orientale (mantello combattere e spade, gli eroi “British”, allusioni a Pinocchio) e, pertanto, a nostro avviso meno originale.

Pregate che non è il caso, il rischio di avere molti film piacevole, certo, ma formattato, sotto delle nostre aspettative, come i personaggi del Regno dei Gatti, simpatico, ma in definitiva poco interessante. Dopo tutto, il film segue forse il desiderio degli studi giapponesi per la produzione di cartoni animati per bambini True? Da questo punto di vista, date le reazioni di giovani spettatori, sembra successo. Si consiglia inoltre di amanti dei gatti che possono solo sognare un mondo fantasy. Per chi soffre di allergie, andare avanti comunque, il film, senza pretese, ha i suoi momenti e non ti ucciderà

.Immagine 

Le Royaume des Chats

Le chat est certainement l’animal de compagnie qui a la dimension mythologique la plus importante et la plus universelle. Tour à tour prophète, révélateur de l’âme humaine ou guide dans le monde de la nuit et de la magie, il était logique que Miyazaki s’intéresse à cet animal discret mais envoûtant et lui consacre un long-métrage entier. Malheureusement, le maître japonais n’a endossé que le rôle de producteur sur ce Royaume des Chats, et ça se voit, ça se ressent.

Haru est une adolescente et, à ce titre, déteste sa vie et trouve le monde injuste et difficile. Suffisamment, en tout cas, pour être tentée par une incursion au royaume des chats. Un précieux sésame lui sera donné par le roi pour avoir sauvé sans le savoir le prince du royaume. Aidée de deux chats dissidents, Baron et Mouta, Haru franchit la frontière magique sans vraiment savoir ce qui l’attend de l’autre côté…

Si le studio est un habitué des trames simples, bénéficiant d’un traitement métaphorique ou poétique, l’histoire est ici trop ordinaire, banalement manichéenne. Au contraire d’un Miyazaki, dans lequel gravitent des personnages travaillés, comportant tous leur zone d’ombre et d’humanité (la maternelle sorcière et l’impénétrable Haku de Chihiro, les pirates au grand cœur de Laputa), les protagonistes sont ici tout noir ou tout blanc, quelque soit la couleur de leur pelage. C’est d’autant plus dommage que les chats font d’excellents ersatz d’humains. Ils représentent le mal comme le bien, sont aristos ou de gouttière, à la fois sournois et tendres. La matière était belle pour créer des êtres à la personnalité complexe, un ingrédient indispensable pour sublimer un fil conducteur un peu mince.

Pourtant, le film va droit au but et sa durée d’une heure quinze ne laisse aucun répit à une narration qui file à la vitesse de l’éclair. Trop rapide, l’action s’essouffle par manque de pauses et on regrette énormément les instants contemplatifs qui ponctuent habituellement les films du studio Ghibli. L’histoire souffre également d’un manque d’explications qui aurait permis de tendre un peu plus les relations entre les personnages. Certains semblent se connaître mais leur passé n’est jamais évoqué, ce qui laisse au spectateur, tenu à l’écart du récit, un arrière-goût amer. On aurait également aimé découvrir le royaume, dont on ne voit finalement pas grand chose, un carré de pelouse, quelques huttes et un château. Seule la petite fille, Haru, tour à tour héroïque et résignée, généreuse et capricieuse, est dotée des contradictions (ah, l’adolescence…) qui permettent l’identification facile. A elle seule, elle véhicule les thèmes chers à Miyazaki, l’émancipation et la quête de soi. Ceux-ci ne sont malheureusement qu’effleurés au profit d’une narration expéditive laissant peu de place aux digressions humanistes ou écologiques, véritable marque de fabrique – et qualité – du studio Ghibli.

A l’opposé, Le Royaume Des Chats respecte totalement le dessin et l’animation si particulière de Miyazaki. Les couleurs sont chaudes et douces et les tons pastels mettent en valeur les arrière-plans. De Haru jusqu’au palais, les graphismes semblent sortis des précédents films du maître (Chihiro et Laputa, par exemple). On regrettera toutefois que l’animation des chats n’aie pas fait l’objet d’un soin particulier, leur démarche manquant singulièrement de grâce. En dépit d’une séquence de parade féline absolument magnifique (musique, animation, et gardes du corps Cats In Black), l’ensemble est moins féerique et poétique que les derniers films sortis en France. Certains y voient déjà l’influence du distributeur Disney, à travers les références à une culture de moins en moins orientale (combats de cape et d’épées, héros “british”, clins d’œil à Pinocchio) et donc à nos yeux moins originale.

Prions pour qu’il n’en soit rien, au risque de voir se multiplier des films plaisants, certes, mais formatés, en deçà de nos attentes, à l’image des personnages du Royaume des Chats, sympathiques mais finalement peu intéressants. Après tout, le film ne découle peut-être que du souhait des studios japonais de produire un vrai dessin animé pour enfants ? De ce point de vue là, au vu des réactions des plus jeunes spectateurs, cela semble réussi. On le recommandera également aux amoureux des chats qui ne pourront que rêver d’un tel monde imaginaire. Pour les allergiques, allez-y quand même, le film, sans prétention, a ses moments et ne vous tuera pas.

FONTE : http://www.sancho-asia.com/articles/le-royaume-des-chats

——————————————————

A PROPOSITO DI TRASFORMAZIONI GENETICHE ………

ALIENI FELINI CHI SONO E COSA FANNO ???

ALIENI FELINI CHI SONO E COSA FANNO ???

SONO SEMPRE PIU’ CONVINTO CHE IN QUESTA LINEA TEMPORALE NOI ABBIAMO CREATO IL TUTTO E CHE ORA SE NON INTERVENIAMO IMMEDIATAMENTE CAMBIEREMO PER SEMPRE IL NOSTRO FUTURO

MI RIFERISCO ALLE MODIFICHE GENETICHE CHE ALCUNI PERSONAGGI DELL’ELITE STANNO FINANZIANDO E CHE CON QUESTI ESPERIMENTI STANNO CREANDO CIO’ CHE SARANNO GLI ALIENI DEL FUTURO …….  VISTO CHE POI FACENDO I VIAGGI NEL TEMPO SI POSSONO POI CAMBIARE LE VARIE OPPORTUNITA’ DI CREARE E DI MODIFICARE CIO’ CHE ORA CONOSCIAMO ..

QUI IN QUESTO SCRITTO DI FEDERICO BELLINI LEGGO CHE IL LORO PRINCIPIO ERANO UMANI ..E QUESTO MI FA’ ANDARE SEMPRE PIU’ QUESTA REALTA’ CHE TUTTO E’ STATO MODIFICATO ORA IN QUESTO PRECISO SPAZIO TEMPO NON TEMPO …..

https://armysoftport.wordpress.com/2012/06/07/alieni-felini-chi-sono-e-cosa-fanno/

   –

ALIENI FELINI …..
———————————————————–
PER CAPIRE MEGLIO …………

I TRANSUMANISTI ( QUELLI DELL’UOMO MISTO ALLA MACCHINA ) ORAMAI SONO GIA’ OLTRE IL NOSTRO IMMAGGINARE … MA STATE CERTI CHE NESSUNO VI DIRA’ MAI NULLA ….
E COME SEMPRE RIPETO I MAGGIORI FINANZIATORI SONO I VARI ROCKFELLER – ROTHSHIELD ECT ECT ..
Gli scienziati hanno creato oltre 150 embrioni ibridi uomo-animale nei laboratori britannici. Gli ibridi sono stati prodotti segretamente negli ultimi tre anni dai ricercatori esaminando le possibili cure per una vasta gamma di malattie. La rivelazione arriva appena un giorno dopo che un comitato di scienziati ha avvertito di uno scenario da incubo del tipo ‘Pianeta delle Scimmie’ in cui lavorano sull’interazione uomo-animale spingendo le creazioni troppo in là. La scorsa notte un attivista contro gli eccessi della ricerca medica si è detto disgustato dal fatto che gli scienziati erano dediti a ‘dilettarsi nel grottesco’. Il Daily Mail rivela che circa 155 embrioni ‘miscelati’, contenenti sia materiale genetico umano e animale, sono stati creati dopo l’introduzione nel 2008 del Human Fertilisation Embryology Act. Questo legalizza la creazione di una varietà di ibridi, tra cui un ovulo animale fecondato da uno spermatozoo umano: ‘i cibridi’, in cui un nucleo umano viene impiantato in una cellula animale e ‘chimere’, in cui le cellule umane sono mescolate con embrioni animali.

IBRIDI UOMO-ANIMALE IN INGHILTERRA  (cliccate sulla scritta per vedere il video )

Published by: armando spedicato

ARMANDO SPEDICATO NEWS - INFORMATORE LIBERO Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo. Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione. Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati. .................................................................... Attenzione per chi volesse sostenere ed aiutare nella diffusione puo' fare un versamento su PostePay EVOLUTION n. 5333 1710 3601 5440 ( codice iban it411k0760105138209118109120 ) intestata a spedicato armando cod. fiscale SPDRND67A27H501G ................. Grazie a tutti

Categories ATTUALITA',FALSITA' NEL MONDO ....NE SIAMO SICURI ???Lascia un commento

GRAZIE DEL TUO INTERVENTO ......

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...