IL GRANDE FRATELLO L’OCCHIO CHE TUTTO VEDE TI OSSERVA ANCHE DALLA TUA STAMPANTE !!! LO SAPEVI ???

UN ARTICOLO PASSATO IN SORDINA ..CHISSA’ COME MAI EH ???

IL GRANDE FRATELLO L’OCCHIO CHE TUTTO VEDE TI OSSERVA ANCHE DALLA TUA STAMPANTE !!! LO SAPEVI ???  E’ QUELLO CHE VOGLIONO .. ATTENZIONE A NON FARCI FREGARE IL CARTACEO E’ FONDAMENTALE.. E I MOTIVI DEL PERCHE’ E’ FONDAMENTALE LI CONOSCETE SPERO..???

DA UN ARTICOLO DI REPUBBLICA DEL 2005, SCRIVONO..

Le laser a colori stampano sul foglio dei caratteri invisibili
che possono anche condurre all’identificazione dell’autore
Il Grande fratello nelle stampanti?
Codice nascosto scatena la polemica

Sono coinvolti tutti i maggiori produttori di stampanti
Che si difendono: “Serve per smascherare le contraffazioni”
di FRANCESCO CACCAVELLA

Foto articolo

ROMA – Se possedete una stampante laser molto probabilmente tutti i documenti che avete stampato sinora portano la vostra firma. Non una scritta visibile ad occhio nudo, ma una sorta di codice che può emergere dal foglio solo attraverso una particolare illuminazione e una lente d’ingrandimento.

Sono le tracce che quasi tutte le stampanti laser a colori in commercio inseriscono silenziosamente in ogni pagina. Riportano il numero seriale della stampante e la data di stampa della pagina. Se il numero seriale è stato registrato dall’acquirente, come spesso accade, ogni singola pagina rivela di fatto il nome di chi l’ha scritta, accessibile a chiunque abbia accesso al codice di interpretazione.

Solo da pochi giorni si conoscono i motivi e i dettagli di quella che molti additano come una violazione delle elementari regole di riservatezza. I tecnici della Electronic Frontier Foundation (EFF), la storica organizzazione californiana che dal 1990 difende le libertà civili nel contesto tecnologico, hanno infatti decifrato parte del codice di marchiatura di una stampante Xerox. Utilizzando un fascio di luce blu e un microscopio, hanno scoperto che ogni pagina viene marchiata con microscopici puntini gialli, organizzati in un rettangolo la cui altezza misura poco più di un centimetro. La combinazione dei puntini è in grado di rilevare, oltre il codice seriale della stampante, anche la data e l’ora di stampa.

Secondo la EFF l’impatto di questa tecnologia sulla libertà di espressione è devastante: “Uno strumento di comunicazione che viene usato tutti i giorni può diventare uno strumento di sorveglianza governativa”. A spaventare è la possibilità che pamphlet, documenti politici, pagine di informazione non allineata possano essere tracciati e registrati per qualsiasi finalità. Fatti del genere, continua il comunicato della fondazione, mostrano “come i governi e le industrie private scendono ad oscuri patti per indebolire la nostra privacy manomettendo strumenti quotidiani come le stampanti”.

Se fino a ieri i codici erano accessibili solamente ai loro creatori e alle agenzie governative che ne avessero fatto richiesta, oggi possono essere letti e interpretati da tutti. La EFF ha rilasciato anche una piccola applicazione che è in grado di decifrare la griglia dei puntini di una stampante Xerox e sta lavorando per decifrare le tracce di altre.

I produttori di stampanti fanno sapere che l’identificazione viene utilizzata solamente per prevenire la contraffazione di documenti o banconote. Un portavoce di Xerox ha dichiarato al Washington Post che la tecnologia è stata messa a punto anni fa in cooperazione con agenzie governative e banche. Non si conoscono quando e in che modo sia stato usato il sistema, ma sembra che il governo olandese abbia già utilizzato la tecnologia per smantellare un’organizzazione di falsari di biglietti ferroviari.

Non sono mancate anche prese di posizione ufficiali. Un legale della Electronic Frontier Foundation ha inviato al servizio segreto americano, il corpo speciale che si occupa, tra l’altro, di falsificazioni e reati informatici, una “Freedom of Information Request”, un atto formale che consente ai cittadini di richiedere documentazione conservata negli archivi delle diverse agenzie governative Usa. La richiesta reclama una semplice risposta ad un altrettanto semplice domanda: quanti sono i dispositivi tecnologici che possono spiare le nostre abitudini di tutti i giorni?

(22 ottobre 2005)

Published by: armando spedicato

ARMANDO SPEDICATO NEWS - INFORMATORE LIBERO Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo. Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione. Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati. .................................................................... Attenzione per chi volesse sostenere ed aiutare nella diffusione puo' fare un versamento su PostePay EVOLUTION n. 5333 1710 3601 5440 ( codice iban it411k0760105138209118109120 ) intestata a spedicato armando cod. fiscale SPDRND67A27H501G ................. Grazie a tutti

Categories ATTUALITA',FALSITA' NEL MONDO ....NE SIAMO SICURI ???,MESSAGGI PER LO SPIRITO... E PER L'ANIMA....,SALUTE E BENESSERE,Uncategorized,VIDEO2 commenti

2 thoughts on “IL GRANDE FRATELLO L’OCCHIO CHE TUTTO VEDE TI OSSERVA ANCHE DALLA TUA STAMPANTE !!! LO SAPEVI ???”

  1. Quanti sono questi dispositivi?
    Infiniti suppongo. Gia’ la lista che potrei stendere personalmente e’ piuttosto vasta e non sono neppure una persona che fa un uso viscerale della tecnologia.
    Basta pero’ andare su un qualunque social e, dopo aver scritto un post, osservare i messaggi pubblicitari che ci arrivano di conseguenza, per capire come tutto sia immediatamente intercettato; “condiviso” anche con chi non vorremmo certo condividere e comunque non l’ abbiamo di certo richiesto.
    Tutti i documenti (dalla tessera sanitaria in poi) che sono sempre piu’ “consigliati” in versione elettronica, comprese fatture e card del supermercato, intenzionalmente o meno (ma opterei decisamente per la prima ipotesi…) sono anche delle schedature, tracce non cancellabili e sempre a disposizione di chi voglia effettuare un controllo.
    Basta gia’ questo per dire: privacy? Addio per sempre, se mai c’e’ stata.
    La tecnologia ci spia, non c’e’ dubbio alcuno e, piu’ che essere al nostro servizio, come recitava uno slogan pubblicitario tempo fa, lo e’, ma…di chi?
    Anche Orwell invidierebbe tutto questo…

    Mi piace

GRAZIE DEL TUO INTERVENTO ......

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...