Lobby e multinazionali ci spremono come limoni: ma la colpa è nostra! Ecco perché! Riflettete…

Lobby e multinazionali ci spremono come limoni: ma la colpa è nostra! Ecco perché! Riflettete…

Cari amici, la questione che intendo affrontare oggi, quella delle nostre responsabilità circa il dominio da parte delle multinazionali, si ricollega e può essere considerato il “proseguo” dell’articolo ECCO COME LA LOBBY DEI SUPERMERCATI CI HA IMPOVERITO (e ci tiene in pugno)

Ebbene si: molto spesso diamo la colpa alle lobby e alle grandi multinazionali per la situazione di crisi in cui si trova il nostro paese (ed in generale in tutto l’occidente) senza capire che i primi responsabili siamo noi! Proprio così: SIAMO NOI, che nella maggioranza dei casi, MANOVRATI DAI MEDIA, ragioniamo e sopratutto AGIAMO contro i nostri interessi, nonché favorendo gli interessi delle corporations.

Ci hanno abituato a NON PENSARE, delegando le nostre opinioni e di conseguenza le nostre decisioni, le nostre scelte, a politici e mass media, che ovviamente NON sono “disinteressati” e non coltivano i nostri interessi.

Anziché formarci una nostra opinione sui vari avvenimenti, o sulla visione di come progettare il futuro, scegliamo di “sposare” le opinioni proposte dai vari politici nei salotti televisivi. C’è chi segue Salvini, chi la sinistra radicale, chi la destra nazionalista, etc. ma sempre limitando la scelta alle proposte “offerte” dai media, che in questo modo restringono i nostri orizzonti, limitando la nostra scelta alle loro proposte.

Se la pubblicità ci suggerisce di acquistare un prodotto, lo facciamo, credendo che il fatto che sia pubblicizzato corrisponda ad un buono standard qualitativo. In realtà, ovviamente non è così.

Politici corrotti e media servi ci hanno “quasi sempre”, se non “sempre”, portato ad agire contro i nostri interessi; quando i tentacoli delle lobby e delle multinazionali hanno sferrato l’assalto al mercato delle merci, oggi controllato da loro al 90% mediante la grande distribuzione, i politici avrebbero dovuto PROTEGGERE le nostre imprese, i nostri negozi: la maggioranza di loro sapeva benissimo quello che stava accadendo, e hanno facilitato il compito alle multinazionali. I media hanno pensato ad intascare i cospicui contratti pubblicitari, infischiandosene delle conseguenze.

E oggi, dopo aver perso centinaia di migliaia di negozi, chiusi perché incapaci di reggere la concorrenza con la grande distribuzione, e dopo aver perso milioni di posti di lavoro nell’industria e nel settore agricolo (perché le multinazionali importano le merci, non le acquistano dal territorio) ci lamentiamo…

potere-2L’operaio crede che i propri interessi coincidano con quelli dei propri colleghi, mentre nei confronti di un commerciante non prova nessuna “affinità”: anzi, hanno fatto in modo da mettere contro le varie categorie: e così molti operai oggi pensano qualcosa tipo: “i commercianti? Evadono tutti… sono loro il problema” – mentre un commerciante ti dirà: “io se fallisco non ho nessun ammortizzatore sociale, i dipendenti invece hanno cassa integrazione e mobilità. Noi possiamo morire di fame invece“. La guerra tra poveri!

Il lavoratore difficilmente capisce che per andare avanti nel suo lavoro ha bisogno dei commercianti, che vendono le merci prodotte anche dalla sua impresa, mentre le multinazionali fanno chiudere l’impresa dove lavori e vendono merci importate dal terzo mondo.

Se chiudono le fabbriche, lasciando centinaia di migliaia di persone, se non milioni, senza lavoro, ovviamente ci saranno meno soldi in circolo nell’economia, e questo avrà riflessi negativi anche sul commercio e sui servizi.

Per funzionare bene, come avveniva prima dell’avvento della grande distribuzione, l’economia ha bisogno di tutte le categorie: lavoratori, commercianti, imprese.

Con l’assetto di cui sopra, dal dopoguerra fino all’avvento dei centri commerciali, la nostra economia cresceva e andava a gonfie vele.

I piccoli imprenditori ed i commercianti rappresentavano quel “ceto medio” che spendeva, che dava lavoro, che garantiva benessere non solo a se stesso, ma anche alle altre categorie collegate.

La grande distribuzione, come illustrato dettagliatamente nell’articolo ECCO COME LA LOBBY DEI SUPERMERCATI CI HA IMPOVERITO (e ci tiene in pugno) si sono impadronite del mercato, facendo chiudere i negozi, dopodiché hanno fatto chiudere anche le imprese, poiché vendono merci prodotte nel terzo mondo.

Un lavoratore che negli anni ’80 ha smesso di fare la spesa al negozio sotto casa, rivolgendosi alla grande distribuzione, per risparmiare qualche biglietto da mille lire su due borsate di spesa, ha provocato a se stesso e all’economia un danno incredibile, di valore dieci, venti, cento volte superiore a quello del risparmio ottenuto: solo che le poche migliaia di lire le risparmiavi “subito”, mentre i danni si sono manifestati dopo anni… e quando l’arcano è diventato evidente, era ormai troppo tardi. Ovviamente non si è trattato di un “errore” ne di “sottovalutazioni”, ma di un preciso disegno.  Se è ammissibile che un lavoratore o un commerciante, distratto dai propri impegni e dai mass media, non si sia reso conto di quello che sarebbe accaduto da lì a pochi anni, i politici, gli economisti ed i “grandi luminari” lo sapevano benissimo. Hanno taciuto per comodità personale, svendendo il paese.

I POLITICI AVREBBERO DOVUTO IMPEDIRE TUTTO QUESTO, I GIORNALISTI SERI AVREBBERO DOVUTO DENUNCIARE QUELLO CHE STAVA ACCADENDO… quello che sarebbe accaduto. Ma in ballo c’erano interessi multimiliardari, figuriamoci quante mazzette hanno incassato certi politici per acconsentire a tutto questo. I media invece hanno prosperato con gli introiti pubblicitari dei prodotti delle lobby…

In quell’epoca non c’era il web, non c’era la libera informazione, l’informazione era in mano ai mass media, che abilmente ci facevano credere quello che gli pareva. I pochi individui “scomodi” che dicevano la verità, che cercavano di avvisare circa quello che stava accadendo, NON AVEVANO VOCE, e comunque venivano relegati a “complottisti”. Negli anni seguenti iniziarono a spuntare i primi blog di contro-informazione, ma erano seguiti da una esigua nicchia di poche migliaia di persone, il cui impegno comunque è stato utilissimo per fare emergere la verità. Che è venuta a galla quando ormai era troppo tardi per modificare le cose. O almeno, questo è quello che percepisce l’uomo comune, compreso lo scrivente. Non è facile capire che le cose potrebbero cambiare nel giro di pochi giorni, SE LA GENTE LO VOLESSE.

Il popolino ignaro si è prestato, inconsapevolmente, a questo disegno, fidandosi dei politici, che presentavano al territorio i centri commerciali come “nuovi posti di lavoro” (senza considerare che quei posti di lavoro, con basso salario, hanno tolto il posto ad altrettante famiglie di commercianti: destinando gli introiti alle casse di poche multinazionali.

LA NOSTRA COLPA è QUELLA DI AVER DELEGATO CIECAMENTE NON SOLO LA “RAPPRESENTANZA” POLITICA A PERSONE SENZA SCRUPOLI: MA GLI ABBIAMO DELEGATO PERSINO IL NOSTRO CERVELLO, LE NOSTRE IDEE, CI SIAMO LASCIATI MANIPOLARE, CI SIAMO LASCIATI GABBARE E IMPOVERIRE GRADUALMENTE, FINO AL PUNTO DI OGGI.

TUTTO AVVIENE SEMPRE GRADUALMENTE, si chiama “strategia della gradualità”, persino le tasse vengono aumentate poco a poco, per dare modo di abituarsi alle persone.

Dopotutto se il tuo datore di lavoro domani ti dicesse che devi lavorare, gratis, 2 ore in più, ti arrabbieresti. Ti rifiuteresti, probabilmente. Ma se ti dicesse che è necessario lavorare 20 minuti in più, dicendoti che se non lo fai l’azienda rischia di chiudere, saresti probabilmente disposto a farlo. “dopotutto 20 minuti non sono molti… l’azienda va male, dobbiamo accettare”. E dopo qualche mese, quando per te è diventato “normale” lavorare 8 ore e 20 minuti, ti chiedono di lavorarne gratis altri 20: “dopotutto 20 minuti non sono molti… l’azienda va male, dobbiamo accettare”. E dopo qualche anno ti ritrovi, senza nemmeno accorgertene, e senza litigare più di tanto, a lavorare 10 ore al giorno… c’è crisi… dobbiamo accettare perché non c’è lavoro”.

MA DAVVERO COSì TANTA GENTE NON CAPISCE CHE è TUTTO UN DISEGNO BEN STUDIATO? INTELLIGENZE SOPRAFFINE AL SERVIZIO DI POCHE LOBBY? Esperti di comunicazione, di manipolazione… e che dire del FLUORO, un derivato dell’alluminio (informatevi!) tossico e nocivo, che ci fanno assumere quotidianamente nell’acqua e tramite altri prodotti, come il dentifricio? Fluoro che rende mansueti… informatevi! E’ tutto un caso, vero? Eccerto! I politici fanno i nostri interessi, le big pharma hanno a cuore la nostra salute, i supermercati ci fanno risparmiare e fanno offerte favolose, Bergoglio è tanto buono ed il gestore di veritanwo è complottista!

Questo è quello che pensa la maggioranza assoluta degli italiani… ma anche dei francesi, degli inglesi, degli spagnoli, etc. anzi, quanto a libera informazione, noi italiani siamo messi meglio del resto dell’occidente: questo perché siamo stati “bastonati” maggiormente, e bastona oggi, bastona domani… la gente si sveglia. Nei paesi che vanno meglio, come la Germania, Norvegia, Svezia etc. il numero delle persone “sveglie” è molto esiguo…

veritanwo

ARTICOLO PRECEDENTE : http://veritanwo.altervista.org/ecco-come-la-lobby-dei-supermercati-ci-ha-impoverito-e-ci-tiene-in-pugno/

Carissimi amici di veritanwo, prima di tutto vorrei ringraziarvi per le molte visite che stiamo ricevendo, davvero oltre le aspettative, anche grazie al provvidenziale aiuto di alcuni blog e pagine Facebook che riprendono o condividono i nostri articoli: grazie! In particolare agli amici di nocensura.com, la pagina Fb che più mi ha aiutato a capire il grande inganno del sistema in cui viviamo. GRAZIE a tutti coloro che ci aiutano dandoci voce, in un modo o nell’altro, anche semplicemente mettendo gli articoli sui gruppi.

Vorrei fare alcune considerazioni aggiuntive in merito all’articolo Ecco le (poche) lobby potentissime che controllano il CIBO in tutto il mondo! di cui vi consiglio vivamente la lettura e la divulgazione.

flag

Chi oggi ha 20 anni o giù di lì, è nato nell’epoca dei supermercati, della grande distribuzione, ma chi come me è già negli ‘anta‘, non potrà che confermare quanto voglio scrivere, in particolare per farlo sapere ai giovani che non hanno vissuto queste vicende. Ma anche molti che le hanno vissute, non ‘razionalizzano’ come sono andate le cose, una regia occulta perfetta.

Fino agli anni 80′ non esistevano i supermercati, e tutte le famiglie italiane facevano la spesa nei negozi di generi alimentari, dal fruttivendolo, dal macellaio e nelle pescherie, dal panettiere, fino a qualche anno prima anche nelle latterie, che vendevano latte prodotto nel territorio… che nostalgia amici.

Una mia parente stretta ha avuto un alimentari, pertanto so abbastanza bene come funzionavano le cose.

Lei si approvvigionava dei prodotti che vendeva prevalentemente in 3 modi:

  1. Passavano i “viaggiatori”, ovvero il camioncino dell’azienda casearia, oppure del salumificio, etc. che forniva i negozianti della zona. L’ordine della merce veniva concordato, anche al telefono, via fax ma certo non email, oppure consegnato di volta in volta al rappresentante, ma alcuni prodotti potevi decidere anche sul momento di acquistarli, in base alla disponibilità presente sul camioncino. Alcuni fornitori passavano quasi quotidianamente, altri ogni due, tre settimane in base ai prodotti. Quello dei latticini passava spesso, quello che portava i prosciutti ogni due settimane era sufficiente. Dovevi stare attento a comprare prodotti che non rimanessero li a muffire, ma nemmeno troppo poco, o restavi sprovvisto alcuni giorni e perdevi vendite. Ma bene o male i clienti erano sempre gli stessi, salvo qualcuno di passaggio, e quindi conoscevi le abitudini delle persone, sapevi cosa comprare e cosa non comprare, anche il pane molti se lo facevano “mettere da parte”, lo prenotavano e il commerciante annotava il nome sul sacchetto. Quante volte sono andato a prendere il pane della mamma, da bambino!
  2. C’erano i distributori della zona: le aziende più grandi e organizzate hanno dei distributori di zona, con giacenze in magazzino di merce. Potevi andare a caricarla con il Fiorino (Fiorino il mezzo commerciale fiat) oppure concordavi la consegna. La mia parente si approvvigionava così di prodotti quali pasta, crackers, fette biscottate, cibi in scatola etc.
  3. Andavi dal produttore direttamente! In alcune zone d’Italia, molti commercianti, e persino alcuni cittadini, andavano dai produttori della zona, acquistavi direttamente. In alcune regioni questa tradizione, seppure molto meno, resiste ancora oggi, nei centri urbani grandi era più difficoltoso.

LA FRUTTA:

C’erano i fruttivendoli, ed i grossisti che li rifornivano. A parte i prodotti non producibili in Italia, come le banane e pochi altri, le merci provenivano dal territorio, o comunque più vicino possibile, anche per limitare costi di consegna, etc. Le insalate, i pomodori, e molti altri prodotti erano di zona, “nostrali” come dicevano gli anziani commercianti. Le mele del trentino, i kiwi dell’agropontino e altre produzioni caratteristiche di alcune zone venivano spedite nelle altre regioni ai grossisti. I nostri agricoltori stavano bene, facevano affari, e la differenza tra prezzo all’origine e quello al banco, era ben proporzionato. L’agricoltore vendeva al grossista, che ricaricava qualcosa, e forniva il commerciante, che a sua volta ricaricava il guadagno. ANDAVA BENE A TUTTI E TRE, e il prezzo era inferiore a quello di oggi, se paragonato e proporzionato.

Oggi invece, cari amici, le grandi lobby hanno fatto chiudere le nostre aziende agricole, oppure sopravvivono e guadagno pochissimo, in quanto la grande distribuzione impone prezzi bassissimi, o acquista dall’estero!!! Le nostre aziende hanno chiuso, ne sono rimaste poche, e oltretutto portano sulle nostre tavole prodotti avvelenati, come hanno mostrato recentemente “Le Iene” (leggete questo articolo dell’amico Alessandro Raffa di nocensura in merito) poichè in nord Africa come altrove fuori dall’Europa, è ancora consentito l’uso di pesticidi velenosissimi e cancerogeni, messi al bando dall’UE. Sono tossici i pesticidi consentiti, figuriamoci questi, che hanno una resa eccezionale, ma rovinano la salute. L’UE dovreebbe bloccare le importazioni da chi usa questi veleni, ma non avviene e c’è pochisssssimi controlli, e il 50% dei campioni analizzati dalle Iene erano avvelenati, sia da sostanze lecite ma in dosi 5 volte più alte del consentito, sia da veleni cancerogeni illegali.

Torniamo alla grande distribuzione.

Negli anni 80′ aprirono i primi supermercati, e da subito fecero crollare gli affari del “commerciante sotto casa”, poiché i supermercati, acquistando elevati quantitativi dei prodotti, direttamente dai produttori (senza far ricorso a grossisti) riuscivano a fare dei prezzi sensibilmente più bassi. Ma sopratutto, in quel periodo miravano a conquistare il mercato, e avevano margini di guadagno molto minori a quelli di oggi! Hanno messo fuori mercato gli alimentari, li hanno fatti chiudere e una volta che hanno assunto il controllo totale della distribuzione di cibo, hanno fatto “cartello” tra loro per non farsi concorrenza al ribasso, e hanno aumentato i prezzi!

I negozi di generi alimentari, dai quali tutti si approvvigionavano di cibo, hanno visto crollare il loro volume d’affari, perché ben presto solo gli anziani (che non guidano, si muovono male, hanno difficoltà a spostare buste pesanti, etc) rimasero fedeli al loro commerciante sotto casa. (Ovviamente alcuni anziani iniziarono a recarsi ai supermercati, magari aiutati dai figli, etc. ma molti rimasero fedeli all’alimentari)

La maggioranza delle famiglie modificò le proprie abitudini: anziché acquistare il cibo pressoché quotidianamente da alimentari, macellerie, pescherie, fruttivendolo etc, iniziarono a fare una grossa spesa settimanale di generi alimentari dal supermercato, acquistando dall’alimentari sotto casa solo il pane fresco e quello di cui ti veniva voglia, senza recarti a fare la fila al supermercato. Una sera un etto di prosciutto, poi una mozzarella, etc.

IL CROLLO FU TALE CHE IL 90% DEGLI ALIMENTARI HANNO CHIUSO I BATTENTI ENTRO 10 ANNI DALLA NASCITA DEI SUPERMERCATI!

Che inizialmente, proponevano solo prodotti confezionati, ma ben presto hanno allestito MACELLERIE, REPARTI PESCHERIA, REPARTO ORTOFRUTTA, etc. facendo CHIUDERE I BATTENTI ANCHE AL 90% DELLE ATTIVITA’ MENZIONATE!

MIGLIAIA DI FAMIGLIE ITALIANE HANNO PERDUTO LA PROPRIA ATTIVITA’: e generalmente, erano attività redditizie, nelle quali lavorava una famiglia.  Un buon alimentari poteva guadagnare (guadagno netto) dai 3 ai 5 milioni di lire “puliti” al mese, talvolta anche di più. Al posto di questi posti di lavoro, ne sono stati creati altri, da dipendenti, con contratti oggi precari e sottopagati.

Il guadagno che entrava nelle tasche di MIGLIAIA E MIGLIAIA di famiglie italiane, a livello globale si parla di centinaia di migliaia tra alimentari, fruttivendoli, macellerie, pescherie, etc CON L’AVVENTO DEI CENTRI COMMERCIALI, ENTRA NELLE TASCHE DI POCHI LOBBISTI

E questo ha IMPOVERITO notevolmente la società. Perché le famiglie dei commercianti, se guadagnavano bene, investivano sul territorio, facevano girare l’economia… i lobbisti invece no. Hanno le sedi legali nei paradisi fiscali, e DEPREDANO IL TERRITORIO in cambio di posti di lavoro sottopagati! Soldi che finiscono alle Cayman…

DOPO ESSERSI IMPADRONITI DEL MERCATO DEL CIBO A 360° i nostri amici lobbisti hanno pensato bene di volgere il loro sguardo agli altri settori: facendo chiudere negozi di arredamento, e di molte altre categorie… quello che vendono lo sapete.

E anche qua valgono le stesse riflessioni proposte sopra, ovviamente.

MA QUESTI NON HANNO DISTRUTTO SOLO IL TESSUTO COMMERCIALE: MA ANCHE QUELLO INDUSTRIALE!!! PERCHE’ SE IL COMMERCIANTE SI RIFORNIVA DAI PRODUTTORI DI ZONA, I PIU’ VICINI, O COMUNQUE “NAZIONALI”, LA GRANDE DISTRIBUZIONE SI RIFORNISCE ALL’ESTERO, LADDOVE LE MULTINAZIONALI SFRUTTANO MANODOPERA A BASSISSIMO COSTO, MODERNI SCHIAVI LEGALIZZATI CHE ANZICHE’ AVERE LE CATENE ALLE GAMBE SONO COSTRETTI A LAVORARE 15 ORE AL GIORNO PER POCHI DOLLARI, PER SOPRAVVIVERE

Ed i nostri produttori hanno chiuso, mandando a casa milioni di persone.

Se i politici avessero voluto fare gli interessi della popolazione, avrebbero impedito tutto questo. Sarebbe stato sufficiente imporre dazi doganali: anziché produrre in Italia una scarpa al costo di 10 euro, vai a produrre nel sud-est asiatico per 1 euro? E io ti chiedo 9 euro di dazi doganali! Rendendo impossibile importare prodotti. Invece i dazi doganali sono stati inadeguati, incidevano poco e rendevano comunque conveniente la delocalizzazione o l’importazione dall’estero. Anziché chiedere i 9 euro sopracitati, chiedevano 50 centesimi, rendendo conveniente queste pratiche che hanno distrutto il mercato italiano, il nostro commercio, le piccole-medie imprese, che erano la ricchezza dell’italia, la spina dorsale dell’economia, categorie che stavano bene economicamente e facevano stare bene perché facevano girare l’economia! Con 800 euro al mese e l’affitto o il mutuo da pagare a girare sono solo le “scatole”, ed il crollo dei consumi ha fatto chiudere altre aziende, una spirale di devastazione economica. Con l’UE poi abbiamo aggiunto alla concorrenza estera anche quella interna, dell’est europeo

DIETRO ALLA GRANDE DISTRIBUZIONE OVVIAMENTE CI SONO LE POTENTI LOBBY, GRUPPI MULTINAZIONALI ALLA BASE DEI QUALI CI SONO LE BANCHE, LE POTENTISSIME BANCHE, GOLDMAN SACHS, JP MORGAN, MORGAN STANLEY E MOLTE ALTRE.

In molti casi la grande distribuzione ha iniziato anche a produrre (sempre nel sud del mondo) parte della merce in vendita.

E’ CONVENUTO AGLI ITALIANI METTERSI IN MANO A QUESTE GRANDI MULTINAZIONALI? FAR CHIUDERE CENTINAIA DI MIGLIAIA DI NEGOZIANTI, ETC?

Inizialmente facendo la spesa al supermercato risparmiavi, è innegabile, in questo modo hanno conquistato il mercato, sbaragliato la concorrenza del piccolo commerciante che non poteva competere. E quando hanno conquistato il mercato, i prezzi sono iniziati a lievitare…E OGGI SPENDIAMO, IN PROPORZIONE, MOLTO DI PIU’ DI QUANTO SI SPENDEVA 30 ANNI FA PER FARE LA SPESA, PER SFAMARE UNA FAMIGLIA!!!

I produttori di arance vengono presi per il collo: “ti compriamo tutto il raccolto, ma a 5 centesimi al kg, ok? Altrimenti compro le arance tunisine che mi costano 3 centesimi al kg, prendere o lasciare?”  E SE NON VOGLIONO FAR MARCIRE I PRODOTTI LASCIANDOLI SUGLI ALBERI (raccoglierli senza venderli sarebbe solo un costo aggiuntivo) DEVONO ACCETTARE QUESTE CONDIZIONI… capite?

Poi ci meravigliamo se nei campi, a Rosarno, impiegano, per 10 euro al giorno, dei poveri disperati stranieri? Il produttore per riuscire a guadagnare qualcosa, e ben poco, con quei prezzi bassi, è COSTRETTO ad utilizzare manodopera sfruttatissima e utilizzare pesticidi per massimizzare il raccolto e aumentare il profitto.

Arance che poi arrivano sugli scaffali del supermercato a 2€ al chilogrammo!!! Se al produttore anziché arrivare 5 cent al chilo ne arrivassero 30, potrebbe certamente dare lavoro dignitoso ai lavoratori. Poi in alcuni territori c’è il problema della criminalità organizzata, ma la questione è quella.

CAPITE COSA è SUCCESSO?

Il popolo, ignaro, si è consegnato a queste lobby… e oggi se vogliamo mangiare, dobbiamo rivolgerci a loro. Almeno nel 90% del territorio italiano la situazione è questa! Immaginatevi cosa accadrebbe, nei grandi centri urbani – Roma, Milano, Torino, Napoli, etc etc – se di punto in bianco, chiudessero tutti i supermercati. Milioni di persone non saprebbero dove approvvigionarsi di cibo. Il potere che hanno queste lobby, se ci pensate, è IMMENSO!

UNA CLASSE POLITICA SERIA, CHE HA A CUORE LE SORTI DI QUESTO PAESE, AVREBBE IMPEDITO TUTTO QUESTO.

MA UNA CLASSE POLITICA DI DISONESTI INVECE PREFERIREBBE LUCRARE SU TUTTO QUESTO, INVESTENDO SOLDI PER PARTECIPARE AL BUSINESS, OPPURE INCASSANDO MAZZETTE MILIONARIE DA LOBBY CHE AVRANNO INTROITI MILIARDARI, PER SVENDERE IL PAESE.

GIUDICATE VOI QUAL è IL NOSTRO CASO…

Poi parlano di crisi, di superare la crisi, di posti di laovro…e la gente gli crede!

Ragazzi la situazione è grave, molto grave… e non potrà che peggiorare, è palese. Purtroppo però molti non lo capiscono.

Questo perché politici e mass media NON NE PARLANO, E ANZI OCCULTANO la questione, distraendo e deviando la colpa verso altre vicende, magari il barista sotto casa che non fa uno scontrino…

I grandi media si dividono in 2 categorie: quelli controllati direttamente dall’elite, e quelli controllati attraverso contratti pubblicitari: le grandi multinazionali investono ogni anno decine, se non centinaia, di milioni di euro in pubblicità, e sono gestite per lo più da poche, ma influenti agenzie. Se un giornale attacca un’azienda gestita dall’agenzia, rischia che questa non gli passi più la pubblicità… necessaria per sopravvivere. Se invece un media difende a spada tratta i loro interessi, anche a costo di mentire spudoratamente, magari ottiene maggiori investimenti… ecco spiegato il servilismo e l’intoccabilità di certi grandi marchi e/o gruppi.

Mi fermo qua, per ora, per evitare di dilungarmi ulteriormente, ma torneremo sulla questione. Collegatevi alla nostra pagina Facebook per restare aggiornati!

LA QUESTIONE DESCRITTA SOPRA è STATA UNA BELLA MAZZATA PER L’ITALIA E PER GLI ITALIANI, CHE SI SONO IMPOVERITI: il “ceto medio” che ci contraddistingueva è ormai venuto meno, ormai la divisione è sempre più tra ricchi e poveri, come nel terzo mondo. E’ ciò che stiamo diventando.

Nel corso della storia, molte nazioni e popoli ricchi e potenti, hanno avuto un declino inarrestabile fino a raggiungere la povertà. Aree che un tempo erano prospere e ricche, oggi sono lande desolate dalla miseria, così come alcune zone dove oggi c’è benessere un tempo erano poverissime. E l’Italia, sta per avere il suo declino, deciso a tavolino da qualcuno.

Per arrivare al livello di declino raggiunto ovviamente non bastava quanto descritto sopra, pur essendo una grande mazzata. Le cause della crisi sono da ricercare nel sistema monetario, bancario e finanziario, ovvero nella mancanza di sovranità monetaria e l’assoggettamento a un debito pubblico inestinguibile, che ci costa 100 miliardi all’anno solo di interessi!! Soldi che dall’economia reale vengono sottratti e condotti nei caveau delle banche! In questo articolo di nocensura ci trovate descritte tutte le cause del declino.

Veritanwo

Published by: armando spedicato

ARMANDO SPEDICATO NEWS - INFORMATORE LIBERO Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo. Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione. Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati. .................................................................... Attenzione per chi volesse sostenere ed aiutare nella diffusione puo' fare un versamento su PostePay EVOLUTION n. 5333 1710 3601 5440 ( codice iban it411k0760105138209118109120 ) intestata a spedicato armando cod. fiscale SPDRND67A27H501G ................. Grazie a tutti

Categories ATTUALITA',FALSITA' NEL MONDO ....NE SIAMO SICURI ???,MESSAGGI PER LO SPIRITO... E PER L'ANIMA....,SALUTE E BENESSERE,Uncategorized,VIDEO1 commento

One thought on “Lobby e multinazionali ci spremono come limoni: ma la colpa è nostra! Ecco perché! Riflettete…”

  1. Fine anni ’40. In provincia di Rovigo avevamo una piccola campagna e un bravissimo ortolano. L’orto produceva in ogni stagione, ovviamente, e i prodotti venivano raccolti all’alba e portati con un carrettino trainato da un’asina o spinto a pedali, fino alla cittadina più vicina (5 km). C’erano i negozi, sempre gli stessi, che si approvvigionavano ogni mattina. Gli italiani mangiavano frutta e verdura, assolutamente priva di qualsiasi veleno, raccolta due o tre ore prima. Bei tempi! Dimenticavo: il concime era fornito dalle nostre 4 mucche che erano nutrite esclusivamente con erba medica. Raccontate queste cose a un ventenne di oggi… nemmeno ci crede.

    Mi piace

GRAZIE DEL TUO INTERVENTO ......

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...